Esauriente Tecnologia WhatsApp: nuova pericolosa truffa ai danni degli utenti

WhatsApp: nuova pericolosa truffa ai danni degli utenti

WhatsApp nuova pericolosa truffa ai danni degli utenti

Tra le numerose truffe circolanti online si trovano soprattutto le frodi trasmesse via applicazioni e social network. Anche WhatsApp, l’app di messaggistica più utilizzata tra gli utenti per lo scambio di conversazioni e materiale multimediale, risulta spesso presa di mira dagli hacker.

Forti della consapevolezza dell’utilizzo quotidiano dell’app di WhatsApp i malintenzionati sono riusciti a creare un’intensa rete di truffe ai danni degli utenti mobile, indipendentemente dall’utilizzo del sistema operativo sul device del dispositivo mobile, o tramite accesso effettuato da computer.

Una delle truffe recenti prevedeva la partecipazione ad un contest grazie al quale poter vincere uno smartphone Samsung Galaxy S8 ed altri dispositivi di ultima generazione. Gli utenti vittime del raggiro, attraverso un clic all’apposito link disponibile all’interno del messaggio, hanno ceduto inconsapevolmente i propri dati sensibili, senza ricevere alcun premio in palio.

L’ultima delle truffe riguarda gli utenti sotto compagnia telefonica Tim, Wind, Tre e Vodafone. Il messaggio fake riprende la questione della fatturazione a 28 giorni, promettendo di ristabilire il proprio piano tariffario alla decadenza mensile, sotto un risarcimento del credito ingiustamente sottratto dalle rispettive compagnie fino a questo momento.

La truffa apparsa su WhatsApp richiede, come generalmente avviene per tutte le frodi informatiche, il collegamento ad un link esterno per rendere disponibili i propri dati sensibili dagli hacker creatori.

La truffa sulla questione del rinnovo con decadenza mensile a riguardo delle tariffe Tim, Wind, Tre e Vodafone ha assunto i caratteri virali delle omonime catene di Sant’Antonio che affollano i social network e le app di messaggistica istantanea.

Ogni link sul quale viene indirizzato l’utente, promettendo premi o agevolazioni, consiste in un messaggio fake dal quale tenersi alla larga, come sempre viene ormai raccomandato.

Il rischio è quello di attivare malware e virus in grado di entrare all’interno del sistema operativo sottraendo dati sensibili all’utente che potrebbe persino non accorgersi di aver attivato un collegamento fake. Si raccomanda per tanto di non aderire in alcun modo alle catene circolanti all’interno di app e social.