Tosse Secca e Tosse Grassa: differenza, sintomi, cause e rimedi

La tosse si presenta come un disturbo provocato da sostanze irritanti al quale l’organismo risponde in modo completamente autonomo e naturale.

Tra le sostanze che possono provocare la comparsa della tosse si trovano il fumo di sigaretta, batteri e virus che ostruiscono il corretto passaggio dell’aria, influenzando il cervello a trasmettere l’impulso di una contrazione a livello del torace e della pancia.

Esistono diverse forme di tosse e differenti cause che possono dipendere da un colpo d’aria, da un’ambiente eccessivamente freddo, presentandosi in forma spasmodica, stizzosa, secca, grassa, pizzicante, in accompagnamento al raffreddore e agli stati influenzali.

Quando l’organismo entra in azione contro la tosse riesce a liberare le vie aeree dalle sostanze irritanti responsabili dell’ostruzione, come il fumo, un boccone di cibo andato di traverso, la polvere, e via dicendo. Ancor prima di intervenire tramite l’impiego di farmaci sarà opportuno riconoscere la forma di tosse dalla quale si è affetti e la sua origine.

 

Tosse Grassa o Tosse Secca: differenze, caratteristiche e sintomi

Per comprendere a pieno le sostanziali differenze tra la tosse grassa e la tosse secca NeoBorocillina ci spiega che è essenziale conoscere le origini e le caratteristiche dei sintomi associati ad entrambi i tipi di tosse.

La tosse grassa viene anche definita “tosse produttiva” a causa della presenza del catarro, ovvero la normale secrezione da parte delle mucose che si forma nella parte alta dei polmoni. Solitamente il catarro presente nella parte alta dei polmoni viene spinto all’esterno, in modo tale da consentire all’organismo di procedere con una sorta di “pulizia” interna del catarro stesso.

Tuttavia, quando il catarro si presenta in concentrazioni eccessive, tale spinta verso l’esterno viene compromessa dall’incapacità dell’organismo di espellere la secrezione. In tal caso è quindi la tosse stessa a svolgere il lavoro di pulizia dell’organismo, permettendo l’espulsione del catarro in eccesso tramite il suo fastidioso ma necessario sintomo.

Una tosse di origine grassa non dovrà quindi essere in alcun modo ostacolata impedendole di svolgere una funzione del tutto naturale, nonostante il suono in pubblico potrebbe risultare spesso imbarazzante per il soggetto affetto.

La tosse secca invece viene chiamata anche “improduttiva” in quanto non si presenta accompagnata da un accumulo di catarro. La sua natura può comprendere ragioni allergiche oppure influenzali, responsabili di uno stato infiammatorio di gola e bronchi.

Ma come riconoscere una tosse secca da una tosse grassa? Basterà analizzare una serie di differenti sintomi quali:

  • Tosse “soffocante” (originata ogni volta in cui si prende fiato o si inspira, con un tipico suono stridulo dovuto ad un’infiammazione della laringe, con conseguente abbassamento della voce che tende ad evolvere in una tosse grassa).
  • Tosse “pizzicante ed insistente” (può interessare diverse infiammazioni alla trachea, alla faringe oppure ai bronchi, ma in pochi giorni da secca la tosse tenderà a presentarsi come grassa).
  • Tosse “stizzosa” (in questo caso la tosse assume un’origine allergica, ossia in una tosse secca).
  • Tosse “notturna e spasmodica” (assume una probabile origine patologica come una pertosse, presentandosi come una tosse secca).

 

Tosse Grassa e Tosse Secca: Rimedi

La tosse andrà curata in modo corretto, mentre in alcuni casi sarà sufficiente rimuovere solamente le sostanze irritanti causanti il sintomo fastidioso come il fumo, la polvere, sostanze irritanti responsabili della tosse comunemente definita grassa.

In presenza di una tosse secca che si protrae per diversi giorni sarà fondamentale escludere eventuali patologie in corso.