Sciroppo d’Acero per Dimagrire: Proprietà, Calorie, Dove si Compra e Prezzo

Sciroppo d'Acero per Dimagrire Proprietà, Calorie, Dove si Compra e Prezzo

L’Acero è la pianta caratteristica del Nord America, raffigurata anche al centro di uno degli Stati più grandi della terra, il Canada, vista l’importanza e la presenza di questa flora a foglie caduche che comprende oltre 200 specie spontanee presenti in tutto il globo.  Il nome “acer” in latino si traduce con l’aggettivo “appuntito”, a descrizione dell’estremità molto singolari delle foglie.

L’acero nelle sue molteplici forme, è utilizzato dall’uomo in molti contesti: alcune specie si utilizzano nell’arboricoltura da legno e nella silvicoltura per produrre legname, alcuni tipi di legno d’acero sono utilizzati nella costruzione di strumenti musicali, soprattutto per i manici delle chitarre elettriche, fondo e manici degli strumenti ad arco e quelli a percussione, come i tamburi. Alcune specie sono una vera e propria attrazione turistica, soprattutto nell’estremo oriente e in particolar modo nel Giappone: in autunno le campagne sembrano infuocarsi ai colori fiammeggianti di questi aceri, pigmentazione direttamente correlata all’escursione termica tra giorno e la notte.

Infine, alcuni aceri, A. saccharum e A. nigrum sono coltivati in Canada e negli Stati Uniti per produrre ciò che chiamiamo “Sciroppo d’acero”, un alimento ottimo che spesso ritroviamo nei film americani durante le loro famose colazioni. Ottima alternativa allo zucchero, questo dolcificante naturale ha numerose proprietà benefiche ed è utilizzato anche a scopo depurativo per la concentrazione di elementi antiossidanti al suo interno. Addirittura qualcuno ne esalta le doti e le caratteristiche alimentari capaci, secondo alcune teorie, di indurre il dimagrimento e fare dimagrire. Nei prossimi capitoli cercheremo di capire se questo è vero.

Cos’è

Come già anticipato nell’introduzione, le foreste d’acero sono coltivate in Nord America e sono una prerogativa del Canada, presenti anche nel New England; nel passato le popolazioni autoctone residenti si sono interrogate sui possibili utilizzi di questa pianta tanto caratteristica e ne hanno ricavato, tra le altre cose, questa linfa presente al suo interno.

Le comunità locali hanno iniziato a utilizzare questo elemento derivante dalle piante d’acero per mille usi, non solo nel comparto agro-alimentare, donandogli anche connotazioni molto elevate, quasi religiose.  Lo sciroppo d’acero, infatti, è un addolcitore riconosciuto a livello mondiale per le sue note proprietà aromatiche e per la sua salubrità rispetto allo zucchero che utilizziamo tutti i giorni e abbiamo disponibile sulle nostre tavole. Lo sciroppo d’acero contiene un valore calorico pari a 26 calorie per cucchiaino ingerito o utilizzato, viceversa il saccarosio, lo zucchero che noi utilizziamo, ne riporta un valore di 39 per pari quantitativo.

Come si Estrae

Come detto, perfino gli indiani d’America utilizzavano questo sciroppo, chiamato impropriamente anche succo e ne caratterizzavano le proprietà quasi miracolose di questo cibo, così ricco di elementi nutritivi e così pieno di elementi interessanti per chi vuole informarsi riguardo a ciò che mangia e la natura di questi alimenti. La linfa si estraeva allora così come si estrae oggi, mediante lo stesso processo: partendo dagli Aceri da Zucchero, chiamati in latino Acerum Saccharinum o dagli Aceri Neri, Acer Rubrum, agli albori della primavera, s’inizia il raccolto. Il periodo di maggior produzione parte da marzo e dura circa 4-6 settimane, durante le quali il clima è contraddistinto da temperature notturne molto basse e tiepide durante il giorno nei territori canadesi.  L’escursione termina, ovverossia la differenza tra queste temperature, consente alle radici raccolgano molta acqua dallo scioglimento dei ghiacci e la spingano verso le estremità della pianta, dove si trovano i primi fiori e i frutti.

E’ molto importante sapere che non tutte le piante d’acero possano produrre lo sciroppo, ma questo può essere estratto solo dagli alberi che hanno almeno 45 anni, quindi parliamo di piante molto rigogliose e in grado di vivere molto a lungo: si potrà poi estrarre solo la linfa in esubero, ovvero quella di cui la pianta non ha necessità per non incorrere in uno scompenso nella stessa che la conduca a sfioritura e a uno scompenso difficilmente recuperabile.

Se siamo pronti e abbiamo visto la pianta d’acero giusta, basterà adottare il tradizionale sistema di spinatura, agevolato anche da tutta quest’acqua recuperata dall’albero: collegando un tubicino dal tronco a un secchio legato a questo. Quotidianamente il secchio va poi trasportato immediatamente allo zuccherificio per essere lavorato e raffinato, altrimenti la linfa comincia a fermentare e non è più possibile utilizzarla come sciroppo.

Produzione

Giunta nello stabilimento dello zuccherificio, questa linfa che, come avremo capito, è costituita da moltissima acqua, è posta a bollitura a temperature lunghe e delicate in modo che evapori. Dopo questo fenomeno fisico, conosciuto a tutti e mediante il quale si eliminano anche i batteri e gli agenti patogeni termolabili, resta solo lo sciroppo. L’immagine che vediamo è quella di un liquido molto denso, quasi vischioso e simile al miele come colore e consistenza.

Questo prodotto sarà poi oggetto di un processo di filtratura nel quale si stabilità anche il grado di classificazione dello sciroppo d’acero stesso. Il prodotto finito è, infatti, classificato secondo tre scale di valori:

  • Grado A. Liquido semitrasparente, giallo paglierino molto chiaro e sapore delicato;
  • Grado B. Liquido arancione, dal sapore un po’ più sapido;
  • Grado C. Nettare rossiccio, dal sapore deciso e consistente.

La differenza tra queste gradazioni non la dà solo la materia prima, ma soprattutto il processo di raffinazione, più accentuato nell’ottenimento di nettare di grado A e meno nell’ultimo prodotto.

Proprietà

Lo sciroppo d’acero è un nettare vero e proprio, quasi assimilabile al famoso Cibo degli Dei, la leggendaria Ambrosia. Così come altri alimenti simili, quest’alimento contiene numerosi elementi e proprietà indispensabili per l’organismo umano e per questo possiamo capire come il suo utilizzo sia stato perpetrato nel corso dei secoli, attraverso varie culture e vari popoli e sia giunto fin sulle nostre tavole.

Lo sciroppo d’acero è costituito, chimicamente parlando, da molecole essenziali per la vita, la salute e il benessere: sali minerali, polifenoli, acidi grassi essenziali e vitamine del gruppo B, quelle presenti nella maggior parte degli integratori che compriamo quando ci sentiamo giù.

Questo nettare dovrebbe essere utilizzato da tutti gli uomini e le donne presenti sul pianeta, ovviamente senza esagerazioni, proprio per le note proprietà organolettiche. In 100 grammi di prodotto, abbiamo:

  • 204 mg di Potassio: elemento molto noto, regola il ritmo muscolare, compreso quello del cuore, la pressione osmotica, la ritenzione idrica e in generale gli scambi intercellulari, la comunicazione metabolica.
  • 67 mg di Calcio: sale minerale basilare per la costruzione delle ossa e dei denti, fondamentale per chi si trova nella fase di crescita, ma anche per il benessere di qualsiasi organismo umano.
  • 9 mg di Sodio: elemento chimico regolatore dell’attività del liquido extracellulare, attraverso il quale scorrono gli impulsi nervosi che giungono ai muscoli e li fanno contrarre. La sua funzione d’intermediario e regolatore tra elementi basici e acidi è nota.
  • 4,2 mg di Zinco: svolge un ruolo essenziale nel sistema endocrino e nel corretto funzionamento di diversi ormoni, tra i quali citiamo quello della crescita e quelli sessuali, oltre quelli metabolici comei regolatori dell’insulina. Partecipa a oltre 200 processi enzimatici.
  • 3,3 mg di Manganese: elemento fondamentale per le cellule nervose, quindi per molte funzioni che riguardano il sistema nervoso centrale e quello periferico. Svolge un ruolo attivo e benefico anche per il sistema ematico (sangue) e quello immunitario.
  • 2 mg di Fosforo: elemento chimico presente in alte concentrazioni nelle ossa, ma anche in quantità modeste nel sangue e nei tessuti molli. Direttamente connesso alla funzionalità della memoria.
  • 1,2 mg di Ferro: minerale che svolge per l’organismo delle funzioni fondamentali, nella formazione dell’emoglobina, del collagene e della mioglobina. Ha valore primario anche nei processi alla base della costituzione degli acidi nucleici e in quelli della respirazione cellulare.
  • 0,006 mg Vitamina B1: la B1, chiamata Tiamina è contenuta nel cuore, nel fegato, nei reni, nei muscoli e nel cervello, il che ne definisce l’importanza.
  • 0,01 mg di Vitamina B2: la Riboflavina favorisce lo svolgimento di diverse reazioni metaboliche riguardo i lipidi, i glucidi e le proteine, nonché favorisce la corretta respirazione cellulare.
  • 0,03 di Vitamina B3: la Niacina interessa anch’essa i processi metabolici, in particolar modo quelli che riguardano i glucidi, i lipidi e gli acidi grassi. Si comprende la compartecipazione ad alcuni processi con la Vitamina B2.
  • 0,02 mg di Vitamina B6: la Piridossina favorisce i processi costitutivi degli amminoacidi, fungendo da coenzima.
  • Acido Malico: comunemente chiamato “Acido della Mela” o “Acido Fruttico” e presente anche nel succo d’acero, questo elemento è spesso presente nell’industria alimentare e farmaceutica per le note proprietà defaticanti (associate alla mela che, proverbialmente detta, toglie il medico di torno). A livello biochimico, l’organismo lo utilizza per mantenere un corretto equilibrio omeostatico tra le cellule, migliorando a livello generale il metabolismo basale.

Benefici

Dopo aver descritto i valori nutrizionali e aver brevemente parlato dei processi in cui questi sono connessi, introduciamo analiticamente i principali benefici che questo zucchero naturale chiamato sciroppo d’acero è in grado di dare al nostro organismo:

  • Abbassamento dei livelli generali di stress e fatica. L’azione calmante e lenitiva per il sistema nervoso lo denota come un alimento anti-stress ed è indicato per tutti coloro che soffrono di nevrosi oppure stanno passando un periodo nel quale la tensione è molto alta (per esempio prima di un esame universitario).
  • Contrasto alla ritenzione idrica. Elemento molto importante per le donne perché combatte la cosiddetta cellulite. Dà questo beneficio grazie alla presenza del potassio.
  • Riequilibrio pressione arteriosa che ricordiamo debba essere per un soggetto sano 120/80 mmhg.
  • Contrasto al livello del colesterolo LDL, quello considerato cattivo.
  • Incentivazione della crescita e della corretta mineralizzazione di capelli, unghie e denti.
  • Attivazione del metabolismo basale.
  • Azione anti-infiammatoria del tratto gastro-intestinale, di contrasto a stati non benefici come la gastrite.
  • Contrasto naturale alle anemie, per la presenza di ferro.
  • Protezione per l’intestino tenue.
  • Incentivo alla formazione dei globuli rossi che aiutano la respirazione e il flusso di sangue.
  • Azione anti-ossidante naturale e potente.
  • Azione brucia-grassi naturale.

Da una ricerca condotta negli Stati Uniti sulle proprietà benefiche di questo nettare, sono stati identificati 54 elementi, di cui 5 completamente sconosciuti e non identificati prima di quest’indagine. Parliamo del Quebecol, chiamato così in onore del Quebec naturalmente: è un potente composto a base di polifenoli che potrebbe, in linea teorica, agire in contrasto alla formazione innaturale e alla proliferazione impazzita di cellule che dà luogo al cancro nell’uomo, ma gli studi su questo principio sono ancora a livello primitivo, quindi è presto per considerarlo antitumorale.

Controindicazioni

Consigliamo sempre di assumerlo moderatamente e non smodatamente, consiglio valevole per tutti gli alimenti. Nonostante questo principio, non esistono altre controindicazioni allo sciroppo d’acero, se non quelli a tutela di chi è allergico al composto o qualche elemento contenuto nel nettare stesso.

I diabetici possono utilizzarlo come surrogato al saccarosio (lo zucchero bianco), senza eccedere, perché un uso eccessivo può comunque avere effetti negativi; potremmo riscontrare un valore glicemico nel sangue superiore alla norma, poiché è comunque uno zucchero.

Sciroppo d’Acero per Dimagrire, Vero o Falso?

Nonostante sia un dolcificante, quindi uno zucchero, lo sciroppo d’acero ha moltissimi elementi chimici interessanti e diverse proprietà da indagare a fondo, ma potrà mai essere utile per dimagrire?

In primis, le proprietà diuretiche del potassio presente in alte concentrazioni in questo nettare, come abbiamo già anticipato, lo rendono un alleato contro la ritenzione idrica e la formazione della cellulite, presente soprattutto nelle donne.

Mangiare sciroppo d’acero, inoltre, aumenta il metabolismo e quindi lo rende un alimento perfetto per chi vuole dimagrire e perdere peso, nonostante sia paradossalmente uno zucchero: all’interno del nostro organismo aumenta la termogenesi cellulare grazie a quest’alimento canadese. La temperatura interna si alza e i grassi sono bruciati più velocemente, in modo diverso da chi segue invece diete ipocaloriche.

Essendo poi un prodotto naturale, e non sintetizzato dall’azione umana, non ha solo un principio, ma possiede tutti i sali minerali di cui abbiamo parlato e che sono benefici per il corpo umano, perché comportano un effetto remineralizzante sui tessuti, donando un benessere generale sia al corpo, sia al suo organo più esteso e appariscente, la pelle.

Esempio di Dieta

Dopo aver spiegato in teoria perché il succo d’acero può aiutare nel dimagrire, passiamo ora alla pratica e descriviamo una dieta tipo per chi intende utilizzare quest’alimento zuccherino nel processo di dimagrimento. Innanzitutto occorre preparare una bevanda in questo modo: spremere mezzo limone in un bicchiere d’acqua, aggiungere un pizzico di cannella e miscelare il tutto con un cucchiaio del nostro sciroppo d’acero. La bevanda andrà inserita all’interno di una dieta prevista per una settimana ogni mese. Ecco il prospetto:

  • 3 volte alla settimana: Lunedì, Mercoledì e Venerdì. Sostituire il pranzo con la bevanda preparata, accompagnandola con uno yogurt bianco, un cucchiaio di fiocchi d’avena e sgusciando 3 noci. Negli altri pasti non ci sono vincoli, basta non strafare e restare equilibrati.
  • 2 volte alla settimana: Martedì e Giovedì. Sostituire la cena con la bevanda preparata in casa accompagnandola con un minestrone o un passato di verdure. Gli altri pasti sono liberi, basta non mangiare smodatamente.
  • 2 volte alla settimana: Sabato e Domenica. Al posto degli spuntini di metà mattina e metà pomeriggio, bere la bevanda, mentre gli altri pasti sono liberi.

Chi non vuole o non riesce a seguire questa semplice dieta una volta alla settimana ogni mese, può cominciare bevendo, appena ci si sveglia, un cucchiaio di sciroppo d’acero sciolto in un bicchier d’acqua appena svegli. Avremo effetti benefici sia sul benessere generale, sia dal punto di vista della linea, sempre stando attenti al fabbisogno energetico totale durante tutto l’arco della giornata.

Prezzo

Ora possiamo comprare lo sciroppo d’acero a pochi euro; non si tratta di un prodotto per pochi, ma è invece alla portata di tutti. Partiamo da 7€ fino a giungere a 15-20€ per quanto concerne il nettare biologico di maggiore qualità, importato direttamente dal Canada fino ad arrivare sulle nostre tavole.

Potremo acquistarlo nelle farmacie in cui si vendono alimenti naturali, nelle erboristerie o direttamente on line, stando attenti all’incidenza delle spese di spedizione, se compriamo sfruttando il web.

In conclusione, lo sciroppo d’acero è un alimento molto valido, uno zucchero diverso da quello che utilizziamo nel nostro regime alimentare e per questo molto interessante: è indicato sia a chi vuole iniziare una dieta, sia a chi vuole surrogare il comune saccarosio con questo liquido canadese. Se siamo attenti alla salute e al benessere, come spesso accade sempre più nella società moderna, allora quest’alimento fa certamente al caso nostro. Provare non costa nulla, o almeno non costa che qualche decina d’euro.

Site Footer

Questo sito fa uso dei cookie, anche di terze parti, per garantire ai suoi utenti un'esperienza di uso ottimale. Continuare nella navigazione (scroll, click, ...) equivale all'accettazione dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi