Esauriente Attualità Parigi, uomo armato prende ostaggi in centro: esclusa la pista terroristica

Parigi, uomo armato prende ostaggi in centro: esclusa la pista terroristica

Parigi, uomo armato prende ostaggi in centro esclusa la pista terroristica

Nel pomeriggio di ieri, all’interno della città di Parigi, nei pressi della place de la Republique si sono protratti istanti di paura e terrore a seguito della detenzione di tre ostaggi per alcune ore.

Il successivo blitz delle forze dell’ordine ha condotto all’arresto dell’uomo, un 27enne di origine marocchine, risultato mentalmente “confuso”, escludendo la pista del terrorismo.

Il 27enne si è recato all’interno del numero 45 della rue des Petites Ecuries, la classica strada correlata da negozi e agenzie pubblicitarie, spacciandosi come un fattorino delle pizze.

Successivamente l’uomo è entrato all’interno di un palazzo prendendo in ostaggio alcune persone in un’agenzia pubblicitaria, scontrandosi con un residente del luogo rimasto ferito alla testa. Lo stesso condomino è riuscito a fuggire e ad allertare le forze dell’ordine.

All’interno dell’agenzia pubblicitaria il 27enne ha tenuto in ostaggio tre persone, delle quali una incinta, per circa tre ore di tempo, mentre un uomo è stato cosparso di benzina.

Gli agenti intervenuti nei pressi della palazzina, insieme ai negoziatori, hanno intrapreso tutte le misure di evacuazione necessarie ai fini della sicurezza degli ostaggi e dei condomini prima di fare irruzione all’interno dell’agenzia pubblicitaria procedendo all’arresto del sequestratore.

Alla base delle richieste del 27enne è stato evidenziato un profondo stato confusionario, motivo per il quale il movente del terrorismo è stato abbandonato dagli inquirenti, come riportato già dalle notizie apparse nel tardo pomeriggio di ieri.

Il sequestratore ha richiesto un contatto con l’ambasciata dell’Iran, passando da argomenti quali il killer di Tolosa”, Mohammed Merah, rifacendosi agli attentati dell’11 settembre alle Torri Gemelle, il tutto in modo sconnesso.

Il 27enne ha parlato anche della bambina uccisa circa un anno fa durante una festa, la piccola Maelys di 9 anni, dal pregiudicato  Nordahl Lelandais.

Il blitz delle GIGN, le teste di cuoio, è stato effettuato verso le ore 19:30, dopo aver cosparso d’acqua l’edificio insieme alla collaborazione dei vigili del fuoco al fine di escludere un possibile incendio dovuto al possesso della benzina da parte del 27enne.

Il sequestratore, dalle prime indagini, sembra incensurato mentre il ministro dell’Interno, Gerard Collomb, ha reso ufficialmente omaggio all’intervento delle forze dell’ordine.