Le Piante Giapponesi e il loro significato

Sconfiggere gli incubi con il verde. Secondo la cultura giapponese, infatti, esiste una pianta speciale a cui affidare i brutti sogni, è la nandina domestica, una pianta molto in voga negli ultimi tempi anche nel nostro Paese, a cui il blog di Tiziano Codiferro dedica un interessante approfondimento.

 

Il Bambù scaro contro gli incubi

Affidare le angosce della notte a questa pianta, nota in Giappone anche con il nome di Bambù sacro o celeste, aiuta ad allontanare i sogni cattivi. Si tratta di una pianta sacra, un vero e proprio portafortuna che nelle case giapponesi viene piantata proprio accanto alle porte di casa o dei templi per tenere lontana la cattiva sorte. E’ la pianta perfetta anche per festeggiare il nuovo anno, nel segno della speranza e della fortuna, tanto che le sue bacche vengono usate anche come ornamento degli altari e nella sera di Capodanno vengono donate e scambiate anche tra i passanti.

 

Una pianta elegante

La nandina si caratterizza per la sua naturale eleganza. Dal portamento flessuoso come quello del Bambù, a cui molti la accostano, è una pianta duttile, dai rami nodosi ed eleganti che si piegano al vento. Anche le foglie hanno una forma elegante, allungata e si morbide assecondano, flettendosi, il peso della neve.

Verso gli inizi dell’800, dall’Impero Celeste, questo arbusto sempreverde è arrivato in Europa e qui ben si è adattato, fino a diventare parte dello scenario botanico comune. Le sue foglie si caratterizzano per i colori cangianti a seconda delle stagioni. Dal rosso-bruno della nascita al verde brillante della pienezza della stagione vegetativa, al ritorno ai colori della terra con la comparsa della stagione fredda. I fiori, che compaiono in primavera, hanno forma di stella e in autunno si trasformano in piccole, delicate bacche rosse e lucide.

 

I fiori e la cultura giapponese

La cultura giapponese è ricca di simboli e anche i fiori e le piante, in molti casi, rappresentano molto altro che il fiore in sé. Tra i fiori che più rispondono a questo aspetto c’è il crisantemo. Questo particolare fiore, come vedremo, assume aspetti e significati diversi a seconda della cultura di riferimento. In Occidente, infatti, soprattutto in Italia, viene spesso associato all’idea della morte e non risulta tra i regali più apprezzati da fare. Ma la cultura Orientale, invece, racconta una storia diversa.

Questa fiore, infatti, importato in Giappone dalla Cina, viene utilizzato per le sue proprietà mediche. All’inizio era molto noto proprio per la sua capacità di guarigione da ogni stato di ubriachezza, per l’inabilità del sistema nervoso e debilitazione in generale. E’ molto noto anche tra poeti e artisti, come fonte di ispirazione. E’ espressione di forza ed energia, è associato al ringiovanimento ed alla longevità. In Giappone esiste proprio un “Giorno del Crisantemo”, che coincide con il non giorno di settembre, in cui il tessuto bagnato nella sua linfa veniva strofinato sulla pelle proprio per preservare la giovinezza della persona.

 

I fiori di ciliegio espressione di delicatezza

Emblema della vita, invece, sono i fiori di ciliegio. Delicati e dalla fioritura breve, sono spesso associati proprio alla brevità e alla meraviglia della vita. Per la cultura Buddista, poi, sono associati anche all’idea della “precarietà delle cose“.

I fiori di ciliegio, poi, con il candore del loro bianco, richiamano alla morbidezza delle nuvole e richiamano la neve. Assumono un significato importante anche in ambito militare, tanto che i kamikaze portavano con sé proprio un ramo di ciliegio. Perché? Perché questi fiori venivano utilizzati proprio per motivare i militari, chiamati a disperdersi come fiori di ciliegio in nome dello spirito patriottico giapponese.

Site Footer

Questo sito fa uso dei cookie, anche di terze parti, per garantire ai suoi utenti un'esperienza di uso ottimale. Continuare nella navigazione (scroll, click, ...) equivale all'accettazione dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi