Esauriente Attualità Il piccolo “Fiocco di neve” simbolo della Cina: 4 Km percorsi a...

Il piccolo “Fiocco di neve” simbolo della Cina: 4 Km percorsi a piedi a meno 9 gradi per arrivare a scuola

Il piccolo Fiocco di neve simbolo della Cina 4 Km percorsi a piedi a meno 9 gradi per arrivare a scuola

La storia del “piccolo fiocco di neve”, il bambino cinese che è giunto a scuola ghiacciato a causa delle rigide temperature invernali, ha fatto velocemente il giro del mondo come spesso accade per notizie che assumo caratteri virali in pochissimo tempo.

Le fotografie scattate a Wang Manfu, con i capelli ghiacciati e le guance arrossate dal freddo e le mani ricoperte da geloni hanno interessato le testate giornalistiche internazionali durante le ultime ore, pubblicate massicciamente anche attraverso i social network.

“Mi sono reso conto di aver dimenticato cappello e guanti quando ormai ero arrivato a metà strada…” ha spiegato Wang Manfu di soli 10 anni.

A pubblicare le immagini del bambino assiderato dal freddo è stato Fu Heng il preside della scuola elementare Zhuanshanbao della contea di Ludian nello Yunnan, servendosi dei social network cinesi al fine di rendere maggiormente pubblica la situazione critica dell’istituto scolastico che si trova ubicato in una zona rurale del paese. Una situazione che costringe la maggior parte delle famiglie del luogo a immigrare verso le città, lasciando i propri figli alla supervisione dei nonni all’interno dei piccoli paesini di campagna.

La realtà cinese presenta circa 17 milioni di bambini “lioshou”, ovvero bambini “lasciati indietro” a causa delle esigenze economiche delle rispettive famiglie.

“Dal 2013 stiamo cercando di migliorare le condizioni della scuola, della mensa e del cortile dove i ragazzi vanno a giocare ma non siamo in grado di tenere al caldo i bambini perché non abbiamo abbastanza soldi per il riscaldamento” ha dichiarato il preside Fu Heng.

Le immagini e la storia del piccolo “Fiocco di neve” hanno mobilitato diverse associazioni di volontariato dello Yunnan allo scopo di una raccolta fondi che ha portato a circa 100mila Renminbi, 15mila dollari, in pochi giorni mentre ulteriori 300mila  Renminbi sono pervenuti direttamente all’interno delle casse scolastiche.

La città di  Zhaotong City conta ben oltre 1 milione di persone vittime della povertà più critica, con oltre 140 mila bambini nelle stesse condizioni del piccolo “Fiocco di neve”. “Mi piace la scuola e da grande vorrei andare all’università a Pechino” ha infine dichiarato Manfu.