Esauriente Tecnologia Il Microchip sottopelle dei Lavoratori che fa discutere

Il Microchip sottopelle dei Lavoratori che fa discutere

I settantadue impiegati di Three Square Market si sono sottoposti all’impianto del microchip sottocutaneo un anno fa circa, durante il corso dell’evento denominato evento «Chip Party».

Il dispositivo è risultato grande quanto un chicco di riso, in grado di aprire le porte all’interno della sede lavorativa, ordinare il caffè dai distributori, avviare computer e molto altro. Ogni dato e movimento vengono registrati all’interno di un database aziendale, una trovata che continua a destare preoccupazioni e polemiche all’interno del mondo del lavoro proiettato verso il futuro delle innovazioni tecnologiche.

In Svezia la Epicenter ha optato per un microchip in grado di azionare anche le stampanti tramite il semplice controllo della mano dei dipendenti, mentre nel 2013 la British Petroleum aveva dotato i lavoratori di un braccialetto per il monitoraggio dei parametri cardiaci.