Esauriente Attualità Gigi Buffon: “Partecipare ai Mondiali era importante a livello sociale”

Gigi Buffon: “Partecipare ai Mondiali era importante a livello sociale”

Gigi Buffon Partecipare ai Mondiali era importante a livello sociale

Gianluigi “Gigi” Buffon, famoso portiere della squadra di calcio Juventus, nonché portiere ufficiale della Nazionale di calcio Italiana, nominato come il più forte portieri di tutti i tempi nella storia di questo sport, detentore del record di imbattibilità per un portiere, premiato dalla FIFA come miglior portiere mondiale nel 2006, si è espresso durante l’intervista al termine di Italia-Svezia.

Il termine della partita giocata ieri sera tra Italia-Svezia è costata alla nostra Nazionale di calcio la qualifica ai Mondiali del 2018, precludendo la possibilità all’Italia di concorrere al titolo.

Gigi Buffon ha risposto alle domande dei giornalisti di Rai Sport con non poco rammarico e rimpianto, evidenziando il suo dispiacere per aver in qualche modo deluso i propri tifosi fan.

“Dispiace non per me, ma per il movimento. Dispiace perché abbiamo fallito un qualcosa che anche a livello sociale poteva essere veramente importante. Di conseguenza, niente, questo è l’unico rammarico che ho e non certo quello di finire perché il tempo passa, è tiranno ed è giusto che sia così. Dispiace che l’ultima partita ufficiale sia coincisa con una non qualificazione ai Mondiali”.

Gigi Buffon ha inoltre confermato di non fare più parte della Nazionale di calcio Italiana a partire da quest’anno. L’occasione di poter partecipare ai Mondiali del 2018 sarebbe stata di fatti l’ultima per il famoso portiere capitano della squadra Juventus.

Tutti i fan ricordano ancora il momento cruciale della vittoria ai Mondiali da parte della Nazionale Italiana di calcio nel 2006, dove la nostra squadra si era battuta contro la Germania, oltre al secondo posto ottenuto agli Europei del 2012 di Polonia-Ucraina.

Dopo 175 presenze in Nazionale, più di ogni altro giocatore, Gigi Buffon interrompe la sua carriera calcistica ai Mondiali con una sconfitta sofferta nella serata di ieri.

La storia del calcio italiano, a seguito della vittoria ai Mondiali del 2006, sembra aver varcato l’entrata in un profondo e lungo tunnel nero.