Fosfeni ad Occhi Aperti, Cause, Sintomi e Cura

Fosfeni

Cosa Sono

I fosfeni, nella loro spiegazione tecnica, sono il risultato di una stimolazione a livello delle cellule percepita come veri e propri lampi di luce.

Nel gergo popolare il fenomeno è riconducibile al modo di dire “vedere le stelle” che si ottiene con una semplice pressione sugli occhi o in seguito ad uno starnuto.

Generalmente si tratta quindi di un disturbo benigno, ma in presenza di un’aumento della frequenza potrebbero invece essere il segnale di un distacco grave della retina, oppure di una neurite ottica, provocata dalla sclerosi multipla.

Cause

I fosfeni sono provocati da un’infinità di fattori che si manifestano solitamente ogni qualvolta che si chiudono gli occhi, generati dalle cellule esposte alla luce che continuano ad inviare segnali al cervello.

Si tende a spiegare il fenomeno dei fosfeni con un “rumore di fondo” degli occhi stessi, provocato durante lo stato di riposo, poiché anche in stato di incoscienza gli occhi rimangono attivi anche durante la fase del sonno continuando a consumare energia e a lanciare impulsi elettrici.

I fosfeni sono visibili anche durante la veglia esercitando una pressione minima sugli occhi, manifestandosi sotto un’ampia gamma di apparenze e descrizioni.

La maggior parte dei soggetti è solita descrivere il fenomeno dei fosfeni come auree, lampi o macchie di luce tendenti al colore blu, forme ad anelli, macchie indecifrabili e indescrivibili, generate grazie alla forza meccanica.

Un semplice sfregamento degli occhi è sufficiente per dar origine al fenomeno, ma ripetere eccessivamente questo gesto potrebbe rivelarsi controproducente per la salute dell’apparato visivo.

I fosfeni sono infine descritti anche come una serie di puntini di colori e intensità differenti a seconda del soggetto che li descrive, causati da un’improvvisa forza fisica.

Fosfeni ad occhi Aperti

I fosfeni ad occhi aperti si formano nel fluido che compone la maggior parte degli occhi, comunemente definiti “mosche volanti”, per un periodo limitato e passeggero.

In alcune precise situazioni i fosfeni possono però essere un sintomo di qualcosa di più serio, come ad esempio una patologia in precedenza descritta.

Sarà quindi opportuno rivolgersi al proprio medico oculista in presenza di fosfeni ad occhi aperti per periodi di tempo eccessivamente prolungati e frequenti.

Fosfeni ad occhi Chiusi

I fosfeni ad occhi chiusi posseggono cause differenti far loro, definite anche come “cinema del prigioniero”. Il fenomeno ha generalmente origine quando la vista rimane in assenza di luce per diverso tempo.

Le allucinazioni che si presentano in questo caso possono essere descritte in un’infinità di modi, ognuno di essi con una relativa spiegazione scientifica.

La comunità scientifica suggerisce che si tratti proprio di un fenomeno causato dalla risposta degli occhi in mancanza di luce, mentre a livello patologico potrebbe indicare la sindrome di Charles Bonnet, solita colpire i soggetti anziani.

Allo stesso modo il fenomeno dei fosfeni ad occhi chiusi viene percepito dalle persone non vedenti, spesso utilizzati dai medici per il riconoscimento della rappresentazione di oggetti reali.

Sintomi e Cura

I fosfeni, come abbiamo in precedenza spiegato, rappresentano un fenomeno visivo naturale e benigno nella maggior parte dei casi, che si manifesta sotto pressione, sfregamento degli occhi o assenza di luce, a causa di una stimolazione elettrica delle cellule anche a riposo.

Per limitare il fenomeno è consigliabile non aprire gli occhi di scatto ed evitare una pressione oppure uno sfregamento eccessivo.

In casi di possibili segnali di sintomi patologici si dovrà interpellare il parere del proprio medico oculista al fine di poter intervenire sul disturbo attraverso una cura o un rimedio chirurgico.