Finanziamenti Bancari: quali sono i più richiesti e come ottenerli

Prestiti e finanziamenti possono essere richiesti presso banche e società finanziarie per diversi motivi. Principalmente gli italiani fanno richiesta di un finanziamento quando devono realizzare un progetto o effettuare un acquisto importante. Ma in tanti altri casi un piccolo prestito può essere richiesto per sostenere delle spese impreviste.

Ad oggi, le tipologie di prestito maggiormente concesse sono: la cessione del quinto, il prestito con delega ed il classico prestito personale.

 

Cessione del Quinto

Dei finanziamenti bancari la cessione del quinto è sicuramente il prestito più richiesto e più facilmente ottenibile. La cessione del quinto può essere richiesta dal lavoratore dipendente o dal pensionato ed è caratterizzata dal fatto che la rata mensile da rimborsare verrà trattenuta sulla busta paga del lavoratore dipendente, o sulla pensione.

Un’altra caratteristica importante della cessione del quinto è relativa all’importo massimo della rata da pagare. Il nome di questo finanziamento, cessione del quinto, sta a specificare che il debitore potrà pagare una rata massima il cui importo non dovrà superare un quinto di ciò che percepisce in busta paga o sul cedolino della pensione.

I tempi di rimborso di una cessione del quinto possono essere anche molto lunghi, si tratta di un finanziamento bancario che può arrivare sino a 120 mesi.

Altra importante caratteristica, da non sottovalutare, sta nel fatto che questo finanziamento potrà essere richiesto anche da cattivi pagatori e protestati che, solitamente, hanno serie difficoltà nell’ottenere un prestito personale.

E’ prevista la stipulazione di una polizza assicurativa obbligatoria sulla vita e contro i rischi di impiego, la seconda, solo per il lavoratore dipendente.

Prestito con Delega

Il prestito con delega è un finanziamento che viene richiesto da chi ha già in corso una cessione del quinto. Possono farne richiesta: i dipendenti statali, i dipendenti pubblici, di enti locali e i lavoratori dipendenti che lavorano presso una grande azienda e dispongono di un contratto di lavoro a tempo indeterminato.

Il prestito con delega può essere richiesto solo se si ha già in corso un prestito con cessione del quinto e per questo viene chiamato anche Doppio Quinto.

Ciò che caratterizza questo finanziamento è la possibilità di rimborsare una rata massima non superiore ad un quinto del proprio stipendio. Complessivamente, tra cessione del quinto e prestito con delega, l’importo delle rate mensili non dovrà superare il 40% dello stipendio.

Anche per il doppio quinto è possibile utilizzare un piano di ammortamento molto lungo, sino a 120 mesi.

Per obbligo di Legge sono previste le sottoscrizioni di una polizza assicurativa sulla vita ed una polizza assicurativa contro i rischi di impiego.

 

Prestito Personale

E’ il classico finanziamento che può essere richiesto senza dover specificare alla banca il motivo per cui viene utilizzata la somma di denaro.

Il rimborso della rata mensile avverrà tramite un addebito sul conto corrente del cliente. Ogni banca prevede un importo minimo ed un importo massimo. Con i finanziamenti e prestiti di IBL Banca sarà possibile richiedere un importo massimo pari a 60.000€, per realizzare sia piccoli che grandi progetti.

Il tasso d’interesse applicato sui prestiti personali è fisso e la rata viene modellata in base alle esigenze del cliente, grazie ad piano di ammortamento che arriva fino a 120 mesi.

Il prestito personale può essere richiesto dai lavoratori autonomi, dai pensionati e dai lavoratori dipendenti che hanno un regolare contratto di lavoro. Ma anche da artigiani ed imprenditori, a patto che il denaro richiesto non venga poi utilizzato per finalità di impresa.

E’ essenziale che il richiedente abbia un’età compresa tra i 18 ed i 70 anni, che non abbia protesti in corso e che non sia iscritto nel registro dei cattivi pagatori.

Non è prevista la sottoscrizione di una polizza assicurativa obbligatoria, che potrà essere invece sottoscritta dal cliente in maniera facoltativa.