Esauriente Intrattenimento Ermal Meta e Fabrizio Moro: “Le polemiche scemeranno, ora comincia un’altra sfida:...

Ermal Meta e Fabrizio Moro: “Le polemiche scemeranno, ora comincia un’altra sfida: vendere”

Ermal Meta e Fabrizio Moro Le polemiche scemeranno, ora comincia un'altra sfida vendere

In seguito alla vittoria della 68esima edizione del Festival di Sanremo i vincitori Ermal Meta e Fabrizio Moro hanno evidenziato: “Le polemiche scemeranno, ora comincia un’altra sfida: vendere”.

Lo stesso Ermal Meta, attraverso un’intervista rilasciata a  spettakolo.it,  ha evidenziato: “Questo disco mette insieme Umano e Vietato morire, ma proiettandosi in avanti, andando verso altre direzioni. L’anno scorso ho fatto tanti concerti, ricavandone molti stimoli. Giravamo su un furgone, e spesso prendevo appunti sul telefono. Ho una cartella piena di appunti, ci sono note vocali e singole strofe. Lì dentro c’è davvero tutto. È una specie di Wikimeta”.

“Il mio è un bisogno di buttare fuori cose. È una sorta di esigenza narrative, un’autoterapia. Un sacco degli appunti di cui parlavo prima sono diventati canzoni per altri. È quando dico una cosa ad alta voce che mi rendo conto se è giusta, se va bene per me o se è meglio indirizzarla altrove. Io quando sono in studio recito i versi” ha proseguito Ermal Meta.

“Io non ho un suono preciso” ha confidato il cantante, dimostrando di non temere le etichette. “Non abbiamo armi”, il nuovo album di Ermal Meta, è uscito il 9 febbraio segnando un nuovo successo, con un appuntamento pubblico nella giornata di oggi  13 febbraio alla Discoteca Laziale di Roma.

“È normale che esistano gusti diversi, l’importante è che… abbiamo vinto noi!” ha invece ironizzato Fabrizio Moro. “La volontà popolare è stata rispettata, alla vigilia di elezioni importanti mi sembra un buon messaggio” ha ribattuto Ermal Meta.

“Non eravamo venuti all’Ariston per vincere, ma perché l’idea della canzone era troppo forte per non cantarla su quel palcoscenico” hanno entrambi ammesso, mentre a riguardo delle polemiche sorte in seguito “Scemeranno, anche perché la gara diventa quella di sempre, contano i dischi venduti, i biglietti staccati ai concerti, i passaggi nelle radio, l’amore del pubblico”. “Siamo ottimi amici da molto tempo, ora ci vogliamo ancora più bene” hanno precisato i due vincitori di Sanremo 2018.