Esauriente Salute Disease X: il Virus che spaventa l’intera popolazione mondiale

Disease X: il Virus che spaventa l’intera popolazione mondiale

Disease X il Virus che spaventa l'intera popolazione mondiale

Il virus denominato “Disease X” rappresenta l’Ebola del XXI secolo nella concezione delle patologie odierne, ritenuto una minaccia per la quale nutrire una profonda paura. Mentre per alcuni si tratta dell’ennesimo virus in grado di mettere a repentaglio la salute della popolazione mondiale, per altri si tratterebbe invece di una sperimentazione realizzata in laboratorio da scienziati poco affidabili e professionali.

Il virus Disease X è stato introdotto all’interno della lista ufficiale dei patogeni più pericolosi al mondo da parte dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, in grado di dare inizio ad un’epidemia a  livello mondiale nel peggior scenario di ipotesi di contagio.

Tra le ipotesi si trovano attualmente quelle di una realizzazione in laboratorio come arma per un eventuale attacco terroristico in grado di decimare gran parte della popolazione, ma anche le ipotesi su una realizzazione errata del patogeno sfuggita ai controlli degli scienziati.

Secondo quanto dichiarato dall’Oms il virus Disease X potrebbe rappresentare la formazione di una nuova allerta salutare originata da un patogeno del tutto sconosciuto e mai studiato prima d’ora.

“L’intensità del contatto umano e animale sta crescendo sempre di più con lo sviluppo del mondo, e questo rende più facile l’emergere di nuove malattie” ha ammesso il consigliere dell’organizzazione Oms, Marion Koopmans.

Il virus Disease X è stato inserito all’interno della lista delle malattie ad alto rischio come l’Ebola aggiornata ai dati del 2018. L’obiettivo dell’Oms e dell’Organizzazione Mondiale della Sanità sarebbero quelli di prevenire un contagio a livello globale, preparandosi all’eventualità su tutti ii fronti allo stesso tempo.

Interpretando il Virus Disease X come una potentissima arma chimica e patogena il pensiero comune si sposta immediatamente alle offensive di una possibile reazione da parte della Corea del Nord e della Siria, così come da parte di cellule terroristiche quali Isis e Al Qaeda, solite servirsi di tali stratagemmi.

Un esempio concreto di gas nervino, potenzialmente correlato all’esempio del virus Disease X, è stato utilizzato di recente nell’assassinio dell’ex spia russa Serghei Skripal e sua figlia Yulia.