Esauriente Salute Dieta Ipocalorica: Cosa Mangiare e Alimenti Consentiti

Dieta Ipocalorica: Cosa Mangiare e Alimenti Consentiti

https://www.esauriente.it/il-chitarrista-dei-negramaro-lele-spedicato-fuori-pericolo-respira-autonomamente/

Per dieta ipocalorica si intende un piano alimentare a ridotto apporto di calorie giornaliere finalizzate espressamente alla perdita del peso in eccesso attraverso un programma suddiviso nel tempo.

Il miglior metodo per perdere peso risulta infatti quello di sottostare ad un regime ipocalorico bilanciato, evitando qualsiasi forma di digiuno e dieta autonoma priva della corretta pianificazione da parte di un medico nutrizionista, nella maggior parte dei casi lesiva per la salute dell’organismo.

Il regime dimagrante ipocalorico consiste sicuramente in un piano restrittivo a limitazione delle calorie, finalizzata sia alla perdita di peso contenuta che alla perdita di peso maggiormente eccessiva come nel caso dei soggetti obesi in forte stato di sovrappeso.

Oltre al conteggio ferreo delle calorie la dieta ipocalorica tiene inoltre conto degli alimenti da assumere, compresi i microelementi, fondamentali per il funzionamento corretto del metabolismo, povera di grassi e carboidrati, ricca di vitamine, sali minerali, proteine.

All’interno di questo nuovo articolo ci occuperemo di approfondire le diverse tipologie di diete ipocaloriche, soffermandoci sulla maggior parte dei consigli dati dagli esperti.

Dieta Ipocalorica: tutto quello che occorre sapere

La dieta ipocalorica si divide generalmente in due diverse varianti composte da 1200 calorie, oppure da 2500 calorie, nel caso specifico dei soggetti sportivi i quali raggiungeranno comunque un calo del proprio peso sotto un regime di allenamento.

Inizialmente il cambio del proprio stile di vita alimentare comporterà alcune rinunce e sacrifici riferiti soprattutto all’eliminazione degli alimenti e delle bevande industriali, confezionati, cibo da fast food, snack poco salutari e via elencando.

La dieta ipocalorica prevederà l’assunzione di circa 400 calorie in meno rispetto al proprio metabolismo basale, un calcolo necessario alla perdita di peso effettiva, in grado di apportare una perdita di peso compresa tra i 2/3 chilogrammi mensili, medicalmente corretti rispetto alla perdita maggiore di peso.

Al termine del percorso ipocalorico il rischio di riacquistare i chilogrammi persi risulterà inferiore rispetto alle diete alimentari eccessivamente drastiche e alla perdita di massa magra.

CIBI CONSENTITI E CONSIGLIATI IN UN REGIME IPOCALORICO

All’interno di una dieta ipocalorica saranno integrati determinati alimenti che, allo stesso tempo, potranno essere alternati nelle fasi dei pasti all’interno dell’arco della settimana.

Tra gli alimenti maggiormente consigliati in un regime ipocalorico si trovano lo yogurt magro, fonte di calcio, potassio e proteine, ma anche vitamina D, sotto la possibilità di aggiungere frutta fresca di stagione evitando però i prodotti già confezionati a base di frutta ricca di zuccheri aggiunti.

Le uova, contenenti dodici tipi di sali minerali e vitamine diverse, dovranno essere preferite sopratutto per il pasto della prima colazione, aiutando l’organismo a combattere la fame nervosa.

La Quinoa potrà sostituire le farine raffinate, mentre la frutta come i kiwi assicureranno un corretto apporto di antiossidanti, vitamina C e fibre. Tra gli altri alimenti consigliati anche fagioli, salmone, patate dolci di tipologia americana, broccoli, bacche e mirtilli, pasta e pane integrali, carne magra, pesce magro, legumi.

Alla dieta ipocalorica dovrà essere associata anche una corretta e costante attività fisica, unita all’apporto di acqua giornaliero, compresi eventuali centrifugati, tisane, infusi, spremute, frullati a base di frutta o verdura senza zuccheri aggiunti.