Esauriente Tecnologia Confronto tra Fibra Ottica e ADSL

Confronto tra Fibra Ottica e ADSL

Iniziamo con una precisazione: la connessione in fibra ottica risulta più efficiente e produttiva rispetto alle connessioni di vecchia generazione che utilizzano il rame, quindi è meno soggetta alle fastidiose interruzioni di collegamento.

Le fibre ottiche sono costituite da filamenti di materiali polimerici o vetrosi, progettati e realizzati in modo tale da permettere, al proprio interno, il passaggio della luce. Le fibre ottiche trovano impiego non soltanto nella connessione internet ma anche in campo diagnostico medico e nel settore della illuminotecnica.

Le fibre ottiche vengono generalmente classificate come “guide d’onda dielettriche”, con un nucleo sede del campo elettromagnetico. La frequenza, che viene convogliata all’interno del cavo elettrico, è in grado di raggiungere una frequenza alta, in prossimità degli infrarossi, con un ottimo contenimento delle perdite.

I cavi impiegati per la fibra ottica si presentano flessivi e del tutto immuni ai disguidi elettrici, resistenti alle condizioni climatiche più estreme, oltre ad essere poco sensibili anche alle variazioni di temperatura.

Il peso dei cavi per la fibra ottica è sostanzialmente contenuto, rispettivamente racchiuso in 2 kg per una linea di lunghezza pari a un chilometro, privi di guaina protettiva.

Le reti della fibra ottica si presentano come una strada a ben 100 corsie, ossia “ultra larga”, stessa ragione per la quale trovare un disguido tecnico è particolarmente difficile e raro.

La fibra FTTH, ossia la Fiber to the Home, garantisce inoltre un’ottima velocità e proprio per questo, le reti del futuro Next Generation Network – NGN, viaggeranno interamente su fibra ottica. Ad oggi, in Italia, Open Fiber è il gestore che vanta la rete Fiber to the Home più grande d’Italia.

La capacità trasmissiva del futuro delle fibre ottiche è definita “future proof” e sarà in grado di raggiungere 40 Gbps, garantendo il raggiungimento delle infrastrutture abitative e la compatibilità con i servizi della rete.

 

Fibra Ottica e ADSL: quali sono le principali differenze

La ADSL, Asymmetric Digital Subscriber Line, tradotta in italiano “Linea Asimmetrica di Sottoscrizione Digitale”, indica una classe di trasmissione di tecnologie a livello fisico per la connessione internet con un’alta velocità di trasmissione definita su “doppio telefonico”, ovvero l’ultimo miglio della rete telefonica.

Ma quali sono le differenze sostanziali tra la linea ADSL e quella della fibra ottica? Vediamo quali sono i principali vantaggi della fibra ottica e quali le principali differenze che vi sono con la tradizionale connessione internet ADSL.

La fibra ottica FTTH garantisce una trasmissione dati alla velocità di 1 Gigabyte per secondo in download, tramite una connessione via cavo in fibra ottica diretta dal cavo centrale fino all’abitazione dell’utente.

La stessa fibra ottica FTTH garantisce 200 MBIT per secondo in download sfruttando una connessione attraverso due cavi sia in fibra ottica, che in rame dalla cabina centrale fino all’abitazione dell’utente. La velocità di trasmissione dei dati con la linea ADSL invece garantisce fino a 20 MBIT per secondo in download tramite una connessione che avviene tramite due cavi in rame che vanno dalla centrale ai luoghi che vengono serviti dalla tipologia di connessione.

Per quanto riguarda l’affidabilità e i costi di gestione la fibra ottica FTTH rappresenta una tecnologia del tutto affidabile, priva di interruzioni di connessione per un costo particolarmente ridotto. La fibra ottica dotata di un doppio cavo in rame invece presenta dei costi di gestione variabili originati proprio dalla presenza dell’aggiunta del rame. I costi di gestione della ADSL si presentano variabili e soggetti alle interferenze elettromagnetiche, proprio come la versione della fibra ottica unita al materiale specifico del rame.