Esauriente Salute Come Curare il Mal di Gola nei Bambini

Come Curare il Mal di Gola nei Bambini

Come Curare il Mal di Gola nei Bambini

Il mal di gola nei bambini, chiamato con il suo nome medico scientifico faringite o faringotonsillite, è una un disturbo molto frequente soprattutto per l’organismo dei bambini più vulnerabili ed esposti ai malanni.

Generalmente i sintomi si presentano sotto forma di voce rauca, gola infiammata e irritata e tosse secca più o meno fastidiosa. La totalità di tale corredo sintomatico è generalmente causato da un virus contro cui l’organismo stesso provvederà a mettersi in azione entro 5/6 giorni dal suo manifestarsi.

Nella maggior parte dei casi non occorre quindi ricorrere a medicinali, né visite mediche e la possibile insorgenza di uno stato febbricitante evidenzierà soltanto il buon lavoro degli anticorpi in azione contro gli agenti patogeni responsabili.

Tuttavia, in casi meno frequenti, l’insorgere del mal di gola nei bambini è causato invece dal batterio Streptococco Beta-emolitico di gruppo A (SBEGA), contro il quale andranno messi in azioni i farmaci, ossia gli antibiotici.

In questo caso dovrà essere il medico pediatra del bambino a compiere tutti i dovuti accertamenti tramite una visita completa e un tampone per identificare l’origine del mal di gola.

A seguito del tampone, che richiederà una risposta da parte dei laboratori di circa 24/48 ore, si potrà identificare il virus o il batterio responsabile per agire di conseguenza.

Ma quando il bambino è troppo piccolo per spiegare i sintomi del mal di gola e lo stato del suo malessere a quali segnali bisogna dare importanza?

Come riconoscere il Mal di Gola nei Neonati

Al di là della causa scatenante il mal di gola nei neonati i sintomi saranno gli stessi con la comparsa di tosse stizzosa, voce rauca, inappetenza e bruciore a livello della gola.

Il mal di gola originato dal batterio Streptococco Beta-emolitico di gruppo A invece presenterà un corredo sintomatico accompagnato da stati febbricitanti, assenza di tosse stizzosa, tonsille gonfie, placche, linfonodi del collo gonfi.

In entrambi i casi è preferibile rivolgersi al proprio pediatra al fine di comprendere l’esatta natura del mal di gola e le eventuali terapie da mettere in pratica per salvaguardare la salute del neonato.

Trattamento farmacologico:Tachipirina o Nurofen?

In caso di mal di gola di origine batterica o virale si potranno si potranno somministrare al bambino paracetamolo o ibuprofene, comunemente chiamati Tachipirina o Nurofen.

Per stabilire quali dei due farmaci impiegare e in quali dosaggi sarà opportuno rivolgersi al parere del medico pediatra. In presenza di mal di gola da origine batterica la terapia consisterà nell’uso di antibiotici per un periodo di 5/6 giorni circa.

Tuttavia la terapia antibiotica favorisce una guarigione istantanea, senza eliminare del tutto la presenza del batterio in questione. Risulta quindi importante seguire una corretta somministrazione per il periodo di tempo indicato dal proprio medico pediatra, evitando di sospendere gli antibiotici al primo cenno di miglioramento dei sintomi.

Rimedi della nonna contro il Mal di Gola nei Bambini

In presenza di mal di gola e stati febbricitanti, oltre alla terapia farmacologica, sarà necessario osservare qualche piccolo accorgimento.

Il neonato potrà continuare a bere il latte materno, mentre il bambino più grande dovrà osservare un’alimentazione a base di pastine liquide tiepide al fine di rinfrescare la gola e apportare sollievo dal bruciore.

In altro modo si potranno somministrare bevande fresche, latte e miele oppure tisane a base di tè con il succo di un limone fresco disciolto all’interno.

I classici rimedi della nonna consigliano la somministrazione di eucalipto sotto forma di pastiglie emollienti, spray al propoli, una corretta igiene delle mani e delle narici, un corretto apporto di vitamine per il rafforzamento del sistema immunitario.