Calcolo Rata Prestito, come calcolare l’importo della rata da pagare

Come calcolare l’importo della rata da pagare a fronte di un prestito finanziario? Nel momento in cui si opta per un prestito finanziario si dovranno necessariamente calcolare anche le diverse rateizzazioni, insieme all’ammontare degli interessi, sulla somma totale della restituzione.

Un prestito potrà andare a coprire diverse esigenze economiche tra cui la ristrutturazione di un immobile, l’acquisto dello stesso, l’acquisto di una nuova vettura, il pagamento delle tasse scolastiche e via elencando. L’odierna crisi economica ha portato all’aumento del numero delle richieste economiche su mutui e prestiti inferiori, sotto la necessità della presentazione di garanzie e requisiti fondamentali.

A seconda dell’importo richiesto si dovrà provvedere all’erogazione per la restituzione del debito attraverso rate ridotte nel tempo o dilungate. Ma come calcolarle in maniera preventiva? Attraverso questo nuovo articolo ci occuperemo di approfondire tutte le caratteristiche necessarie atte all’ammontare delle rateizzazioni all’interno di un prestito finanziario.

Calcolo Rata Prestito: tutto quello che occorre sapere

Ancor prima di richiedere un prestito presso un istituto bancario o finanziaria si rivela necessario optare per un calcolo preventivo della rata del prestito, valutando attentamente le relative possibilità economiche da impiegare sulla restituzione futura compresa degli interessi.

Calcolando le singole rate si potrà ottenere una panoramica relativa al proprio reddito andando ad escludere un eccessivo importo mensile sugli oneri. All’interno di un prestito e delle singole rate si dovranno prendere in considerazione diversi fattori tra cui l’importo complessivo del finanziamento, le singole rate, la frequenza attraverso la quale dovranno essere erogate, il TAN e il TAEG.

Il Tasso Annuo Nominale, siglato in TAN, rappresenta il tasso d’interesse applicato dalla banca nei confronti del prestito personale ad indicare il guadagno annuo dell’istituto stesso attraverso ogni singola scadenza mensile. Il Tasso Annuo Effettivo Globale, detto anche TAEG, andrà invece a calcolare il costo annuale complessivo di una determinata operazione finanziaria, compreso di eventuali spese collegate direttamente alla richiesta del prestito principale.

Il TAEG viene normalmente denominato anche ‘indicatore sintetico di costo’ attraverso il quale valutare l’effettiva convenienza del prestito sulla base delle esigenze personali di ogni soggetto debitore. Nell’eventualità di un’equivalenza tra due prestiti differenti in rapporto al TAN, il TAEG risulterà invece maggiormente conveniente.

Ma come si calcola a tutti gli effetti l’importo delle rateizzazioni? Uno dei metodi maggiormente sfruttati risultano essere i simulatori online disponibili sui siti specifici. In questo caso sarà sufficiente inserire l’importo complessivo della richiesta di debito, decretando la frequenza delle rate per la sua restituzione, il tasso di interesse.

Il simulatore online provvederà in questo caso ad un calcolo automatico di elaborazione dei dati, comprendendo anche la percentuale relativa al TAEG sulla base delle spese legate al finanziamento nel corso del futuro. Per citare un esempi si potrà prendere in considerazione una somma di 15 mila euro complessiva di debito, con un tasso di interessi TAEG al 13%.

L’ammontare della rata complessiva sarà di 223,97 euro mensili, per un totale di  26.875,93 euro di versamento complessivo, di cui 11.875,93 euro soltanto di interessi. Tuttavia occorre precisare i diversi piani previsti all’interno delle banche e delle finanziarie del tutto variabili e personalizzabili.