Animali Lentissimi: Quali sono gli Animali più Lenti del Mondo

Nonostante al giorno d’oggi la lentezza sia considerata un punto debole, vista la velocità che permea la società a tutti i livelli, partendo dalla tecnologia fino a giungere alla consumazione dei pasti fast and furious, la favola di Esopo della Lepre e della Tartaruga è emblematica della questione. Leggendo questa favola, ricaviamo due importantissimi insegnamenti:

  • Mai sottovalutare gli altri con la presunzione di essere migliori;
  • Calma e pazienza sono due virtù.

Come ben sappiamo la pazienza era anche una delle virtù chiave richiamate anche nella Bibbia e associata al personaggio di Giobbe.

Nella natura esistono animali di tutti i tipi, veloci, lenti, pigri, agili, attivi, passivi e ciascuno è speciale a modo suo e non va sottovalutato, ma considerato per i propri punti di forza. La lentezza può anche essere un punto di forza e avere i suoi vantaggi, se funzionale a un preciso scopo; gli animali più pigri, spesso risparmiano le energie e vivono per questo più a lungo. Spesso sembrano docili e adorabili, nel loro essere placidi, ma non bisogna nemmeno restare ingannati dall’apparenza.

Così come la lepre sottovalutò l’ardore e la costanza della tartaruga, allo stesso modo, dobbiamo rispettare e considerare i dieci animali più lenti presenti sulla nostra amata terra, perché se sono sopravvissuti nel corso dei secoli e dell’evoluzione, adattandosi a vivere in questo modo, forse ci sarà un perché che noi nemmeno riusciamo a intuire.

Ecco elencati e descritti i dieci animali più lenti del mondo.

Bradipo

E’ famoso per essere il più lento di tutti; basta guardarlo muoversi per stancarsi di fronte alla stanchezza e alla fatica che sembra emanare da tutti i pori. E’ entrato nell’immaginario collettivo, come un nome umanizzato da associare a persone lente, svogliate e noiose. Oltre la lentezza congenita, quest’animale ha anche i sensi poco sviluppati: l’olfatto e l’udito non sono certo dei punti a suo favore ed è anche miope.  In inglese il suo nome è sloth, associabile all’espressione slow-motion, tradotto letteralmente a rallentatore: la sua velocità media, infatti, è di 0,20 km/h e quest’aspetto, connesso agli altri, l’ha reso a rischio estinzione perché preda molto facile per gli animali carnivori.

Tartaruga Marina Comune

Come anticipato, la tartaruga è per antonomasia il simbolo mondiale della lentezza sin dall’antichità, soprattutto se consideriamo quelle di terra, molto simili ai dinosauri erbivori presenti millenni addietro. Ci sono però tartarughe che si sono adattate nell’acqua e non sono molto lente, anzi, pensiamo a quelle presenti nel cartone alla Ricerca di Nemo che seguono velocissime la corrente calda. Le tartarughe marine possono vivere anche fino a 150 anni e sono molto longeve: lo studio di queste specie presenti alle Galapagos ha consentito a Darwin di elaborare la sua teoria sull’evoluzione e la selezione naturale. La tartaruga marina comune si muove ad una velocità media di 0,04 km/h ed è il rettile più lento al mondo.

Koala

Il Koala è uno degli animali più carini del mondo, molto bello e simile a un orsacchiotto; dal koala hanno preso spunto i disegnatori di Lilo nel cartone Lilo & Stitch della Disney. Quest’animale è notturno e ama rifugiarsi a lungo sugli alberi dell’Australia, il continente dove vive; è quindi molto abile nell’arrampicarsi ed ha una schiena molto morbida, in grado d’adattarsi e appoggiarsi all’albero stesso quando si siede sopra questo. Riesce a raggiungere diversi metri d’altezza godendo di viste probabilmente senza fiato e supervisionando l’ambiente circostante. I Koala appartengono ai mammiferi marsupiali e non sono dei meri orsi, pur avendo delle somiglianze; la loro velocità massima è comunque di 20 km/h.

Lamantino

Dette anche “mucche del mare”, i lamantini sono esseri adorabili, quasi immobili nell’acqua; non sembra nemmeno che nuotino, ma pare piuttosto galleggino in completa tranquillità. La loro velocità massima, infatti, è di soli 5 km/h. Abitano nel mare dei Caraibi e nell’Oceano Indiano, amando restare nascosti in acque poco profonde, senza attaccare nessun altro essere. I lamantini passano le loro giornate mangiando e riposando; proprio per questo diventano sempre più grossi. Non dovendo scappare da molti predatori, si sono adattati ad essere molto lenti proprio perché non devono fuggire da nessun pericolo.

Cavalluccio Marino

A causa della loro struttura corporea che non gli consente di muoversi molto, né di raggiungere alte velocità, i cavallucci marini sono animali molto lenti. Sono animali in grado di nuotare solo in verticale e questo non gli permette naturalmente di raggiungere velocità elevate; questa particolarità è figlia dell’adattamento avuto nel tempo, poiché il cavalluccio marino è fatto per restare in uno stesso luogo per tutta la sua vita. La velocità media di questi esseri è di soli 0,09 km/h e ne esistono più di cinquanta specie diverse, tutte però accomunate da questa prerogativa che li rende unici nel panorama del mondo marino.

Un’altra caratteristica peculiare di quest’animale, che lo può rendere ancora più simpatico, è correlata alla sua riproduzione: la femmina deposita le uova nel suo ventre, ma è il maschio a incubare i piccoli e a partorirli una volta pronti.

Stella Marina

La Stella Marina, conosciuta dai più piccoli come l’amico stupido di SpongeBoB, la spugna, si sposta a soli 0,09 km/h e ne esistono più di 2.000 specie, tutte diverse. La loro conformazione e l’habitat in cui vivono, i fondali dei mari e degli oceani, ne caratterizza il movimento inerziale: difatti questi animali si lasciano trasportare sovente dalle correnti senza frapporre resistenza o incentivo alcuno.

Lumache

Le lumache, presenti in tutti i giardini e visibili dopo una giornata di pioggia, è un mollusco terrestre con il guscio a spirale. Legato a doppio filo alla lentezza del movimento, non riuscirà mai a muoversi per lunghi tratti. La lumaca abita le zone umide mediterranee e va in letargo per moltissimo tempo. La forza motrice generata dalla lumaca, non avendo zampe né arti, è funzionale alle contrazioni muscolari con le quali riesce a raggiungere fino a 0,05 m/h; sono animali che preferiscono stare all’ombra e non amano la luce del sole, rischiando la disidratazione, l’essicazione e la vita.

Lori

Nativo delle foreste dello Sri Lanka, il Lori è un primate notturno adorabile, con mani simili alle nostre; si sposta utilizzando strani movimenti contorsionistici in modo leggero e aggraziato, come un ballerino di danza classica. Pur essendo uno degli animali più lenti al mondo, può raggiungere anche i 2 km/h, velocità di tutto rispetto.

Ha una massa e un volume molto ridotti, potendo raggiungere al massimo i 350 grammi di peso e misurare tra i 20 e i 26 centimetri; è un essere vivente curioso, ma purtroppo rischia l’estinzione poiché il suo habitat viene distrutto sempre più ogni anno. Sempre più persone, inoltre, vedendolo così carino e docile, lo sottraggono alla natura detenendolo come animale domestico :una pratica illegale e moralmente, nonché biologicamente sbagliata.

Beccaccia Americana

Questo volatile è l’uccello più lento al mondo e sinceramente desta molto scalpore il fatto che sia un essere che voli. Abita nei boschi del Nord America ed è contraddistinto da un corpo gonfio e le zampe corte con un becco lungo e affilato. E’ molto dolce e carino e riesce comunque a spiccare il volo, nonostante la velocità massima raggiunga tra i 5 e gli 8 km/h; proprio per questa sua caratteristica, adora stare per terra e muoversi così. Effettua il volo migratorio notturno per ovvie ragioni e vola molto basso per non farsi scorgere.

Coralli

Come pochi sanno, il corallo non è un vegetale, bensì appartiene al regno animale. Essendo un animale e non muovendosi granché, appartiene ai 10 più lenti al mondo. I coralli illuminano il mare e i fondi marini con la loro fulgida bellezza, conducendo molte persone a immersioni lunghe e perigliose per vedere gli spettacoli creati dai banchi. A loro va la medaglia d’oro di questa speciale classifica perché restano immobili per tutta la loro vita.

Site Footer

Questo sito fa uso dei cookie, anche di terze parti, per garantire ai suoi utenti un'esperienza di uso ottimale. Continuare nella navigazione (scroll, click, ...) equivale all'accettazione dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi