Esauriente Salute Alcolici e cancro: un nuovo studio in merito

Alcolici e cancro: un nuovo studio in merito

Alcolici e cancro un nuovo studio in merito

Bere alcool potrebbe aumentare il rischio di contrarre patologie tumorali. A lanciare l’allarme è stato un nuovo studio condotto dal Laboratorio di Biologia Molecolare del Medical Research Council di Cambridge.

Tra le principali motivazioni delle ricerche: “Si è capito che l’acetaldeide può rompere e danneggiare il DNA nelle cellule staminali del sangue, portando a modificare i cromosomi e ad alterare permanentemente le sequenze di DNA in queste cellule. È importante capire come il progetto del DNA nelle staminali sia danneggiato e perché quando le cellule staminali sane cominciano a danneggiarsi questo porti alla manifestazione di un cancro”.

Assumendo alcolici con regolarità si potranno verificare ben sette tumori differenti: all’esofago, ai polmoni, al fegato e all’intestino, alla bocca, alla gola, alla laringe.

All’interno dell’organismo l’alcool è in grado di provocare una sostanza velenosa, derivante dalla scissione, meglio nota come acetaldeide con effetti di danneggiamento a livello del DNA e dei cromosomi.

L’alcool sembrerebbe quindi comportare un incremento di nuovi casi legati alle forma tumorali ogni anno, in diverse parti del mondo, riportate in 12 mila casi solamente all’interno del Regno Unito.

L’alcool inoltre è in grado di diminuire la percezione della realtà, alterando lo stato psicofisico e promuovendo l’aggressività individuale, comportando l’insorgere del vomito in stato di ubriachezza fino al coma etilico nei casi più gravi, interessanti soprattutto i ragazzi adolescenti.

Le conseguenze dell’assorbimento dell’alcool danneggiano soprattutto lo stomaco e la prima parte dell’intestino, passando dal sangue al fegato in presenza di assunzione di bevande a stomaco vuoto. Le patologie legate all’abuso di alcool si presentano innumerevoli e particolarmente dannose, dalla comparsa della cirrosi fino al maggior aumento del rischio di contrarre patologie tumorali, compromettendo la capacità di giudizio, l’autostima, fino alle vere e proprie dipendenze sfocianti nell’alcolismo.

Proprio per questo motivo le assunzioni di alcool dovrebbero essere limitate il più possibile, eliminate del tutto in presenza di particolari patologie, disturbi, terapie farmacologiche seguite.