Esauriente Tecnologia Addio a John Young: l’astronauta che camminò sulla Luna

Addio a John Young: l’astronauta che camminò sulla Luna

Addio a John Young l'astronauta che camminò sulla Luna

La morte dell’astronauta John Young è stata annunciata dalla Nasa poche ore fa. L’uomo, 87 anni, è ricordato come il comandante della prima missione Shuttle nello spazio.

Young fu selezionato dalla Nasa nel 1962 tra centinaia di candidati piloti astronauti, intraprendendo una brillante carriera. Durante il suo operato John Young ha volato per ben sei volte oltre l’atmosfera terrestre, in oltre tre generazioni di missioni spaziali. Ma le sue abilità lo hanno portato a ricoprire anche il ruolo di pilota della marina, ingegnere aeronautico e pilota di test.

Young era nato il 1930 a San Francisco, in California, ma si era successivamente trasferito in Georgia e poi in Florida con i genitori e il fratello. Sin da piccolo aveva manifestato la passione per la costruzione di modellini aerei, oltre alla passione per la lettura.

Durante gli anni ’60 rimase affascinato dalla proposta del presidente Kennedy, in merito alla missione sulla Luna, tanto da perseguire il suo sogno e riuscire a far parte della spedizione. Come da lui stesso dichiarato, Young si ispirò fortemente al modello di suo padre, ingegnere civile.

Nel 1952 si laureò in ingegneria aeronautica alla Georgia Tech University, uscendo con il massimo dei voti, intraprendendo una carriera professionale nella marina, rimanendo a bordo di un cacciatorpediniere per un intero anno.

Dopo quattro anni nella marina trascorse ulteriori tre anni al Navy’s Air Test Center, sino al momento della proposta citata dal presidente Kennedy.

Young divenne così il comandante dell’Apollo 10, diretto sulla Luna, insieme ai colleghi Tom Stafford e Gene Cernan. Nel 1972 fece parte anche della spedizione Apollo 16, insieme a  Ken Mattingly  e Charlie Duke.

“La luna è un posto molto carino. Siamo allunati con 20 minuti di ritardo, l’unico mio pensiero era recuperare quel prezioso tempo perso” aveva dichiarato Young.

Nel 1981 partecipò anche allo Shuttle, l’STS-1, il primo test della navicella Columbia, insieme a Robert Crippen. Alla fine del 1983 fu protagonista anche della missione Shuttle STS-9 del laboratorio spaziale Spacelab, inserito successivamente nella National Aviation Hall of Fame.